slider
slider
Logo
 Home

Origini del Toponimo Garda

Il lago di Garda viene chiamato anche Benàco. Quali sono le origini di questi nomi e perché, ad un certo punto, uno è caduto in disuso?

Accanto alle voci del lessico comune giocano un ruolo importantissimo i toponimi, radicati a una realtà strettamente locale e rimasti inalterati anche di fronte all’avvicendamento di genti e lingue assai diverse. E’ il caso del lago di Garda, detto anche Benàco. Le sue due varianti quella dotta Benàco, basata sul nome antico e quella comune Garda usata dal Medioevo in poi, costituiscono una precisa testimonianza della presenza celtica (nel primo caso) e germanica (nel secondo).

La voce latina Benacus, infatti è con ogni probabilità di origine celtica e indicherebbe la configurazione geografica del lago: bennacus “dai molti promontori. Garda invece che prende il nome dell’omonima località della sponda orientale, testimonia accanto a Gardone (oltre ai meno noti Gàrdola - fraz. Tignale, Gardoncino – fraz. Manerba, Le Garde – località a nord di Toscolano, Gardoni – Valeggio sul Mincio, Guàrdola – Cavriana) la dominazione germanica dei secoli VI-VIII e, in particolare, quella dei Longobardi, che divisero la regione benacense in distretti, tutti dipendenti dal Ducato di Brescia.

Mentre il lago è menzionato in questo modo solo tre secoli più tardi, in una carta del 1807, il toponimo originario, quello del paese, è contenuto già in documenti dell’VIII secolo e non è altro che l’evoluzione della voce germanica WARDA, “guardia” e, più specificatamente, “luogo elevato atto ad osservazioni militari”, “castelliere di sbarramento” che ha lasciato tracce un po’ in quasi tutta l’Italia.

counter
Eventi - ManifestazioniEvento
Seleziona il giorno di tuo interesse per vedere tutti gli eventi